Al catanese Puglisi il podio dello slalom di Chiaramonte Gulfi

Il neo campione italiano Slalom “Under 23” ha preceduto di un secondo e cinquantuno il messinese Emanuele Schillace (Radical), oggi non troppo assistito dalla fortuna.

bloc 1
AC Luigi Fazzino (Osella PA 21 JrB Suzuki) – (credit ph. Manuel Marino)

CHIARAMONTE GULFI – Al culmine di un’edizione memorabile con 177 iscritti e 153 alla partenza, il catanese Michele Puglisi ha vinto in volata il 13° Autoslalom Città dei Musei Chiaramonte Gulfi, al volante della fedele Radical Prosport Suzuki.

Al secondo posto il messinese Emanuele Schillace sulla Radical SR4 Suzuki.

A salire sul terzo gradino del podio è stato il ventenne talento siracusano (di Melilli) Luigi Fazzino, velocissimo ma sfortunato nell’abitacolo della Osella PA 21 JrB Suzuki 1.6.

Auto storiche e donne

Tra le Autostoriche, gradino più alto del podio nel 1° Raggruppamento per il sortinese Salvo Mortellaro (con la Renault 5 Alpine, Catania Corse), per Marco Vitale (2° Raggruppamento, su Peugeot 205 Rallye, Project Team) e per il catanese Ivan Tudisco (3° Raggruppamento, su Fiat Abarth 1000, Catania Corse). Paolo Cusumano ha prevalso tra le Attività di base, con la “sempreverde” Peugeot 205 Rallye.

AE Nicolò Nicoletti (Fiat 126 Proto) – (credit ph. Manuel Marino)

La messinese Jessica Miuccio si è aggiudicata la Coppa Dame, con la Renault Clio Rs della Tm Racing, avvicinandosi sempre più al titolo siciliano.

Alle sue spalle, staccata di poco più di 2”, si è piazzata la catanese di Bronte Alice Gammeri, con la Renault Clio Williams della Puntese Corse, con la quale ha preceduto la ventiduenne debuttante nissena Simona Santoro (Peugeot 106 Gti 16v, per i colori del Motor Team Nisseno).

Piloti iblei

Nella folta schiera di piloti locali, a meritarsi la “palma” di miglior pilota di Chiaramonte Gulfi è stato Nicolò Nicoletti, comunque vincente nonostante il ritiro in Gara 3 per la rottura della catena sulla sua Fiat 126 Proto.

Secondo e terzo gradino del podio appannaggio di Antonio Cusimano (Renault 5 Gt Turbo, Catania Corse) e di Massimo Miciluzzo (Renault 5 Gt Turbo).

Il vincitore del 13° Autoslalom Città dei Musei, Michele Puglisi, si è pure aggiudicato il titolo tra gli Under 23, mentre la classifica di Scuderia ha visto poi prevalere la Tm Racing Messina, ormai certa del suo secondo titolo regionale consecutivo.


La classifica: 1) Michele Puglisi (Radical Prosport Suzuki), in 126,38 “punti-secondi” 2) Emanuele Schillace (su Radical SR4 Suzuki), in 127,89 3) Luigi Fazzino (Osella PA 21 JrB Suzuki), in 128,17 4) Girolamo Ingardia (con la Ghipard Ghi008 Suzuki), in 129,33 5) Giuseppe Medica (Radical Prosport Suzuki), in 135,69 6) Nino Di Matteo (Gloria C8F Evo Suzuki), in 136,00 7) Mirko Pugliara (ProtoTrovato Kawasaki), in 137,92 8) Nicolò Incammisa (Radical SR4 Suzuki), in 140,02 9) Salvo Gentile (Elia Avrio ST09 Suzuki), in 141,89 10) Noel Galea (Ford Escort MK2), in 145,65 11) Claudio Bologna (Gloria C8F Evo Suzuki), in 146,27 12) Giuseppe Messina (Renault Clio Cup), in 146,75 13) Camillo Centamore (Corsini F. Junior), in 147,26 14) Bruno Caruso (Renault Clio Cup), in 152,28 15) Nicolò Nicoletti (Fiat 126 Proto), in 152,56 16) Michele Russo (Peugeot 106 Gti 16v), in 153,22 17) Angelo Guzzetta (Peugeot 106 Gti 16v), in 153,24 18) Antonio Cusumano (Renault 5 Gt Turbo), in 153,36 19) Michele Ferrara (Peugeot 106 Gti 16v), in 153,49 20) Fabio Cassibba (Formula Junior), in 153,81.