“Fun Football’. Che in italiano poi è ‘Divertiti col Calcio”

bloc 1

RAGUSA – Fa più ‘chic” certamente dirlo in inglese, ‘Fun For Football‘ e qualcuno sarà anche stato premiato per la fantasia (sic!). Ma rende certamente meglio in italiano dove sarebbe ‘Divertiti col Calcio“. E magari i bambini a cui è rivolto, lo avrebbero capito meglio.

Ma tant’è e questo ‘fun’ è il titolo per la manifestazione calcistica che si terrà il prossimo 2 giugno, peraltro Festa della Repubblica Italiana, e che coincide con la Giornata Nazionale dello Sport.

La giornata, appunto per il settore calcio (o football o soccer come probabilmente vorrebbero dire) sarà aperta a tutte le scuole calcio Elite, Qualificate ed i Centri Calcistici di Base inseriti nel coordinamento della Delegazione provinciale iblea.

Si terrà allo stadio ‘Biazzo’ di Ragusa con la presenza di calciatori della Categoria Piccoli Amici e Primi Calci, e volge a “mettere in risalto i valori principi del calcio e dello sport, quali divertimento, partecipazione, lealtà e socializzazione“.

Sovrapposizione sport e Repubblica Italiana

A quanto pare, è la seconda volta dalla data di istituzione di questa giornata da parte del Coni nel 2003 e che si tiene la prima domenica del mese di Giugno di ogni anno, che la Giornata Nazionale dello Sport coincide con la Festa della Repubblica.

Ma anche quest’anno, piuttosto che spostare di una domenica lo sport ed onorare la Repubblica, si sostiene che sia ‘troppo figo’ farlo assieme.

Ma, lungi da essere un rafforzativo della celebrazione come vorrebbero far intendere, annacquare la festa della nostra Repubblica, dei principi che la sostengono, dei valori che ne sono alla base, potrebbe piuttosto intendersi quasi come un’offesa civica.

Ci sono altri 364 giorni per fare questa festa dello sport. Altri giorni in cui dare spazio ai valori dello sport come lealtà, socializzazione e via dicendo.

Il 2 giugno sarebbe stato bello e meglio raccogliere i ragazzi e raccontar loro cosa è la Repubblica, per spiegare specialmente e particolarmente cosa è la nostra Repubblica, cosa significa vivere nella libertà dei suoi Valori.

Cosa significa vivere in un contesto sociale che garantisce la libertà di vivere senza paure e minacce di despoti o prevaricatori. Anche, per esempio, quella di giocare a calcio a Uomini e Donne senza distinzioni. O di scegliere qualsiasi altro sport.

Sarebbe stato bello far capire che quel che abbiamo è grazie al sudore ed al sangue dei nostri Nonni ed al coraggio delle nostre Nonne. E che non bisogna dare per scontato che tutto ciò sia immutabile e che mai tutto ciò che abbiamo possa essere a rischio.

Ma forse, parlare di questi Valori e dell’importanza di mantenerli come bene più alto della nostra Comunità nazionale, non è trendy.

E si è probabilmente forse più pronti a piegarsi e disfarsene di fronte al primo venuto. Per cui non serve a niente rafforzarne l’attaccamento dei giovani italiani. Meglio 4 calci a pallone ‘for fun’.

..e tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.