bloc 1

COMISO – Con il caldo in arrivo ed anzi già arrivato, fare ginnastica – o meglio ‘work out‘ – in palestra, è duro.

Vero che si suda di più, ma sudare non è il solo modo e neache quello giusto per perdere peso. In quel modo, al limite, ti viene più sete ed hai una maglietta in più da lavare.

Ecco allora in aiuto il/lo street work out che facendo un po’ il verso allo ‘street food‘, il cibo da strada, vuol far lasciare il chiuso di stanzoni e palestroni per andare a saltare,ballare, muoversi in città, magari in centro città.

In Italia, questa modalità di ginnastica in strada ha preso il nome di Street WorkOut che indica nel connubio fitness-musica e attenzione alla cultura locale, la propria caratteristica.

Nella provincia iblea, ha attecchito grazie a Giovanni Corigliano, referente del circuito e presenter che ha già organizzato una prima giornata a Ragusa ed è pronto per la seconda a Comiso. Un circuito della salute outdoor, attuato con l’appoggio del CSI, Centro Sportivo Italiano, ente di promozione sportiva.

La data prevista è per domenica 3 giugno prossimo, quando gli sportivi in attività e chi sportivo vuol diventare, è invitato a scendere in strada.

L’iniziativa è una sorta di itinerario che prevede una camminata intervallata da attività fitness, tenute da istruttori. Ai partecipanti saranno consegnate delle cuffie wireless attraverso le quali sarà possibile ascoltare musica e la voce del trainer che li guiderà durante tutto il percorso.

Lo Street Workout, dice Wikipedia, è un movimento sportivo ‘da strada’ che addirittura può farsi risalire all’antica Grecia da cui passò, immaginiamo in momenti più recenti, in Russia, Europa dell’Est, America per poi svilupparsi nel resto del mondo.

Sono due la grandi famiglia dello ‘street workout’: lo statico ed il dinamico dove, per il primo, si tratta di tutta quella serie di esercizi legati a macchinari come squat, barre, sollevamenti (esempio tipico nelle spiagge americane con strutture adatta allo scopo e, più recentemente, con qualcosa di simile a Marina di Ragusa); il secondo è invece un muoversi a 360° dove, man mano, i vari istruttori hanno portato esercizi e figure specifiche dei singoli sport.

Sempre secondo Wikipedia, le caratteristiche dello ‘street workout’ sono la completa gratuità, attività da fare al chiuso o all’aperto, nessun particolare abbigliamento richiesto, promozione dello sport come stile di vita e momento di aggregazione.

A livello mondiale, esiste ad un campionato mondiale – ad oggi il detentore del titolo è il lettone Daniels Laizans – ed una federazione, la World Street Workout and Calisthenics Federation che ha affiliazioni anche in Italia con 2 società, Calisthenics & Street Workout Italia A.S.D e RadarBarz Team, che però, pare facciamo capo ad una sola associazione.

Le bellezze di Comiso che saranno visitate tra un jump e un kick saranno la basilica della Santissima Annunziata, la Chiesa di Santa Maria delle Stelle, l’ex Mercato Ittico. Luoghi che potranno essere meglio apprezzati grazie ad un guida, detto in maniera più trendy ‘storyteller‘, che potrà raccontare le storie ed i valori dei singolo monumenti e luoghi.

Una bella alternativa anche per gli ‘indigeni’, i comisani e magari tutti i ragusani, che spesso proprio non conoscono i passati orgogliosi delle propria vestigia. Ecco il patrocinio del comune di Comiso e la attiva partecipazione delle palestre Base Club, Fitness Club, Live Dancing e New Olympia, coordinate dalla Style Agency.

La nostra mission – spiegano dal Street Workout Italia di Ragusa – è avvicinare la cittadinanza al mondo del fitness dando modo ai partecipanti di sperimentarne immediatamente i benefici in termini di benessere psico-fisico, promuovendo in tal modo uno stile di vita corretto e salutare”.

Secondo il presidente del Csi di Ragusa, Antonella Caramia, “Si tratta di una manifestazione di grande impatto che da un lato mira a sensibilizzare sempre più i cittadini ad assumere un corretto e salutare stile di vita e dall’altro a far prendere maggiore consapevolezza della bellezza offerta da quei luoghi che spesso, nella frenesia del quotidiano, ,non vengono apprezzati e goduti come meriterebbero”.

Lo Street Work Out, che chiamiamo Italia per comodità, è stato fondato da Simone Massaro e Maria Contorto che, come raccontano nel sito, dopo aver fatto fitness indoor con cuffie senza fili, scoperchiano, letteralmente, la loro palestra immaginaria e portano fuori, nelle strade d’Italia questo modo di fare fitness.

Una start up, come potremmo chiamare nel moderno gergo economico, che ha intravisto questa opportunità di crescita.

Essendo fuori, l’idea di essere mobili sul territorio con la possibilità di poter conoscere, sempre tramite cuffia, le caratteristiche e la storia del territorio.

Da allora, sempre secondo quanto indicato sul sito, sono state migliaia le persone che hanno partecipato alle tante performance organizzate in giro per l’Italia

Benchè nel sito di Street Workout Italia non sia riportata la tappa di Comiso, dopo quella di Ragusa – probabilmente per una dimenticanza – innovativo è appunto l’utilizzo di cuffie wireless che saranno consegnate in comodato d’uso ai partecipanti.

Le cuffie servono ovviamente per seguire le istruzioni dei presenter, gli istruttori che dirigeranno le sessioni di fitness. Cuffie che pare abbiano la peculiarità di illuminarsi nell’oscurità dando ovviamente un senso di collettività e di partecipazione a tutti gli astanti.

Per chi guarda da fuori, niente musica: vedrà tanti atleti e meno atleti, saltare e cantare!


La quota di partecipazione è di 20 € e comprende: noleggio cuffiette wireless DB Silent , maglietta ufficiale dell’evento che verrà omaggiata in ricordo dello stesso e sacca ufficiale dell’evento che verrà omaggiata ad i partecipanti con al suo interno vari gadget ed omaggi offerti dalle attività partner.

..e tu cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.