Pronti per la ‘San Domenica Savio Running Cup’, unica gara a carattere parrocchiale

Lo scorso podio della SanSavio Run

RAGUSA – Tutto é pronto per la 3^ San Domenico Savio Running Cup in programma, così come da tradizione, sabato pomeriggio 5 maggio presso i Salesiani di Ragusa, una delle poche gare che ancora resiste a Ragusa tra quelle a carattere parrocchiale.

La gara ha il sigillo della FIDAL, mentre l’aspetto tecnico/sportivo è curato dalla, onnipresente verrebbe quasi da dire, No Doping di Ragusa e dall’ente di promozione sportiva UISP che vantano una provata esperienza nelle organizzazioni di manifestazioni di questa tipologia.

Lo slogan dell’evento “CorriAMO per un cuore giovane”, prende spunto da un pensiero di Don Bosco che diceva ai suoi ragazzi: “Basta che siate giovani, perché io vi ami assai”.

L’Associazione Salesiani Cooperatori di Ragusa, che rappresenta il 3^ ramo della famiglia salesiana, ovvero i laici che condividono il carisma di Don Bosco, che in occasione dei festeggiamenti in onore di San Domenico Savio, organizzaione una podistica su strada e camminata veloce.

Con questa iniziativa l’oratorio salesiano spalanca le porte di via Gagini per accogliere e abbracciare idealmente la città con i “salesiani cooperatori” che hanno pensato proprio a questo coinvolgendo bambini, ragazzi, adulti, figli e genitori tramite un momento di sport, di sano divertimento, di festa e di aggregazione.

La kermesse avrà una forte valenza sociale, in quanto saranno invitati a partecipare gli ospiti stranieri richiedenti asilo politico della Coop. Filotea, la Cooperativa FO.CO. di Chiaramonte, i ragazzi ospiti della casa Famiglia Rosetta, i bambini dell’Associazione Raggio di Sole.

Anche l’Unione Italiana Ciechi della sede di Ragusa che parteciperà alla camminata con un gruppo di non vedenti con accompagnatori.

Parte del ricavato per una nuova chiesa in India

Parte del ricavato delle iscrizioni sarà devoluto in beneficenza per la raccolta di fondi per il progetto Immacolata: costruzione di una nuova chiesa nel villaggio Kahulong – Manipur in India.

Il raduno è previsto alle ore 15.00 presso lo slargo di via Gagini, di fronte l’ingresso dell’Oratorio Salesiano e alle 16.00 ci sarà la partenza delle categorie giovanili maschili e femminili divise in cinque fasce di età (esordienti A,B,C, ragazzi e cadetti).

Seguirà la partenza dei camminatori in un percorso ricavato nel quartiere per 6 km e subito dopo toccherà agli assoluti/master/amatori uomini e donne che correranno per un giro in più per un totale di 8 km.

Una “collinare” che attira molti appassionati – sottolineano dall’organizzazione – per la tipologia del percorso ricavato in un quartiere caratterizzato da vari sali-scendi e con l’ impegnativo dislivello di gara da affrontare di ben m. 155. Tutto ciò renderà la gara avvincente e oseremo dire anche stimolante, per chi vuole cimentarsi in 8 km di particolari emozioni. Lo sport già è divertimento e aggregazione ma in questo caso avremmo l’ abbinamento vincente con la solidarietà, l’integrazione e la socializzazione proprio per finalizzare lo slogan della manifestazione. Ricordiamo che ogni partecipante, non a caso, con la propria iscrizione, compirà un gesto d’altruismo”.

Al termine di tutte le gare oltre alla premiazione dei primi tre di ogni categoria, ci sarà un momento di condivisione con il ristoro per tutti i partecipanti. In particolare i gareggianti delle categorie giovanili saranno tutti premiati con una medaglia ricordo.